R4C Hospital – Progetto di Assistenza ospedaliera per i bambini con gravi patologie

La Onlus Roberta for Children ha deciso di aiutare fattivamente l’Associazione il Girotondo, con contributi atti a permettere nel tempo, il regolare svolgimento dell’assistenza ospedaliera. Il Girotondo, Associazione facente parte delle Cooperativa San Saturnino Onlus, ha accolto negli anni un numero sempre maggiore di bambini disabili e/o affetti da patologie anche molto gravi, nella maggior parte dei casi abbandonati alla nascita proprio perché malati. "R4C Hospital" è un progetto assistenziale per bambini con diverse e gravi patologie, bisognosi di alta intensità assistenziale per 24 ore al giorno.

Carta dei diritti dei bambini in ospedale

La carta fa riferimento alla convenzione internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 1989, ratificata da tutti i governi europei;

Art.2 I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di avere accanto a loro in ogni momento (Giorno, notte, esecuzione di esami, anestesia, risveglio, terapia intensiva) i genitori o un loro sostituto adeguato al compito e a loro gradito senza alcuna limitazione di tempo o orario.

L’aumento del numero di bambini disabili che ospita il Girotondo, ha spinto gli operatori a creare una rete nazionale di famiglie disponibili ad occuparsi e ad adottare bambini con handicap. Questo ha permesso sino ad oggi di collocare in famiglia tutti i bambini ospitati, dichiarati adottabili, con handicap, condizione che oggi il Tribunale per i Minorenni di Roma gestisce con difficoltà data la scarsissima disponibilità delle famiglie che presentano domanda di adozione. Il Girotondo garantisce la cura della salute dei minori mediante attività di prevenzione e controlli sanitari periodici fornendo interventi medico-specialistici e psico-sociali riabilitativi e infermieristici, ove occorra, ma anche e soprattutto garantendo un’adeguata assistenza ospedaliera (24 ore su 24) in caso di ricovero del bambino. Considerando l’elevato numero di bambini affetti da gravi e gravissime patologie, l’assistenza ospedaliera per tutto il periodo di ricovero è oramai divenuta un’attività fondamentale e sempre più specializzata del lavoro degli operatori della Casa Famiglia. E’ infatti fondamentale poter garantire ai bambini, che provengono già da storie traumatiche e precoci separazioni familiari, continuità delle cure anche in caso di ospedalizzazione con personale preparato e a loro familiare. Il ricovero di un bambino di qualsiasi età porta inevitabilmente all’interruzione delle sue attività quotidiane e alla possibilità di venire in contatto con eventi potenzialmente traumatici che possono avere ripercussioni a livello psicologico. Infatti la condizione di ricovero comporta un disagio di variabile entità la cui motivazione è connessa a molteplici problematiche.

Nell’ospedalizzazione, a causa dell’emarginazione dall’ambiente d’origine e della depersonalizzazione che l’istituzione sanitaria comporta, si manifesta spesso un deficit della percezione personale ed una perdita di autostima. I bambini reagiscono diversamente, a seconda delle precedenti esperienze ospedaliere, a seconda delle loro età e anche in funzione delle proprie esperienze di vita personale e del supporto che possono ricevere. Nella malattia i bisogni naturali della persona (di sicurezza, stima, accettazione e realizzazione personale) possono rimanere, almeno in parte, insoddisfatti, oltre a favorire la comparsa di ansia e depressione e a rappresentare una minaccia per l’autostima. Queste reazioni, comuni negli adulti, possono essere più accentuate nei bambini, per il fatto che essi, spesso, non comprendono fino in fondo le cause scatenanti della malattia, le possibili conseguenze e la necessità delle relative cure.

Nella comprensione ed elaborazione del dolore è centrale il ruolo dei caregivers (persone che assistono i bimbi in ospedale) che sono accanto al bambino, poiché rivestono un’importante ruolo sia nell’aiuto quotidiano (h24) al bambino sia per aiutarlo a comprendere e ad elaborare questo evento. Il ruolo contenitivo del caregiver è fondamentale per permettere al bambino l’elaborazione cognitiva ed emotiva dell’esperienza di dolore e separazione dall’ambiente di vita quotidiana.

LE TUE DONAZIONI GODONO DI BENEFICI FISCALI  Tutte le donazioni effettuate a Roberta for Children, godono dei benefici fiscali. Roberta for Children è una ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ai sensi del D. Lgs. n. 460/97. Il privato o l’impresa che effettua una donazione può infatti decidere liberamente il trattamento fiscale di cui beneficiare, a seconda del proprio profilo tributario. Inoltre, con il Decreto Legislativo 117 del 2017, lo Stato ha introdotto benefici fiscali più vantaggiosi per tutte le donazioni effettuate dal 1 gennaio 2018. Eccole qui di seguito. SE SEI UNA PERSONA FISICA PUOI:
  • detrarre dall’imposta lorda il 30% dell’importo donato (e non più solo il 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017);
  • oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
SE SEI UN’IMPRESA PUOI:
  • detrarre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017);
  • oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro.
Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF. Informativa ai sensi deU’art 13, Regolamento Europeo 679/2016 (c.d.“GDPR") I dati personali già comunicati dall'interessato e presenti nei nostri archivi nonché quelli che potranno essere comunicati durante il rapporto con la nostra Organizzazione, sono trattati, con o senza l'ausilio di strumenti elettronici, da Roberta for Children Onlus, Titolare del trattamento dei dati personali, per gestire la donazione, per informare su attività e progetti e per gestire tutte le varie forme di sostegno alle nostre iniziative, Tali dati sono conservati fino a conclusione del rapporto instaurato e nei termini previsti dalle norme applicabili, amministrative, civilistiche e fiscali. Roberta for Children potrà trattare i dati fomiti dall’interessato in modo personalizzato in base ai suoi interessi per inviare comunicazioni in linea con le sue esigenze, evitando contatti non graditi o non di suo interesse, tramite posta cartacea, e-mail o sms I dati saranno conservati fino all’eventuale esercizio del diritto di opposizione: in mancanza, saranno conservati finché Roberta for Children prosegue la propria missione, con progetti coerenti con il suo profilo. Ai sensi degli articoli da 15 a 22 del GDPR, si possono esercitare i diritti di accesso, rettifica, cancellazione, limitazione, opposizione al trattamento dei dati, revoca del consenso, richiesta dell'elenco dei responsabili del trattamento scrivendo all’email info@robertaforchildren.org N.B. ti ricordiamo che il tuo commercialista o il tuo CAF potrebbero richiederti una certificazione che attesti l’ufficialità di tali donazioni, ovvero le matrici dei bollettini postali o le copie degli estratti conto bancari o della carta di credito. Inoltre, le agevolazioni fiscali non sono cumulabili tra di loro e le donazioni in contanti non rientrano in alcuna agevolazione.

Documenti

Non sono presenti documenti